SPI, I2C, RS-232, USB2018-12-06T15:54:58+00:00

SPI, I2C, RS-232, USB.

SPI, I2C, RS-232, USB: sono tutti bus seriali, sui quali le informazioni vengono scambiate un bit alla volta.

SPI

L’acronimo SPI (Serial Peripheral Interface) indica un bus sincrono di trasferimento dati su breve distanza, ovvero tra componenti della stessa scheda elettronica (i.e. un microcontrollore e circuiti integrati, o diversi microcontrollori). Ideato in prima battuta da Motorola, il bus SPI viene oggi sviluppato anche in altre varianti, come il bus MicrowireTM della National Semiconductor. La trasmissione del segnale avviene grazie a un dispositivo detto master che controlla il bus, emette il segnale di clock, e decide quando iniziare e concludere la comunicazione con lo/gli slave.

Il principale vantaggio della tecnologia SPI risiede proprio nella sua struttura full-duplex, che consente una comunicazione bidirezionale contemporanea (master-slave con un singolo master e potenzialmente più dispositivi slave). Grazie alla sua notevole capacità di trasferimento dati, il Serial Peripheral Interface viene utilizzato per comunicare con differenti periferiche come display LCD, memorie flash, apparati di conversione analogica-digitale o digitale-analogica (ADC e DAC) performanti, schede SD ed altri.

Resco ha esperienza diretta nello sviluppo di interfacce SPI ottimizzate per le specifiche applicazioni richieste.

I²C

Inter-Integrated Circuit (abbreviato come I²C, pronunciato i-quadro-ci o i-due-ci), è un bus sincrono multi-master e multi-slave che risulta particolarmente economico e conveniente per effettuare il trasferimento dati su breve distanza: queste caratteristiche lo rendono ideale per effettuare trasferimento dati tra componenti della stessa scheda elettronica (ad es. microcontrollore ed RTC – Real Time Clock) ma in alcuni casi anche per collegamenti esterni (ad es. microcontrollore su scheda elettronica e sensore umidità esterno).

I vantaggi della tecnologia di comunicazione Inter-Integrated Circuit risiedono soprattutto nella facilità e velocità di implementazione, oltre che nei bassi costi. Al contrario, la velocità massima di trasferimento non è particolarmente elevata. Le applicazioni del bus I²C si estendono alla comunicazione con sensori di vario tipo (temperatura, umidità, pressione, ecc.), memorie EEPROM, RTC (Real Time Clock), piccoli display OLED o LCD, ADC, ADC e moltissime altre periferiche.

Resco ha esperienza diretta nello sviluppo di interfacce I²C ottimizzate per le specifiche applicazioni richieste.

RS-232

Lo standard raccomandato (Recommended Standard – RS) numero 232 è un modello di trasmissione seriale dati introdotto per la prima volta nel 1960 per definire parametri come il significato, le caratteristiche elettriche e la tempistica dei segnali, le dimensioni fisiche e la piedinatura dei connettori. RS-232 è il protocollo seriale per antonomasia, utilizzato ad esempio sui vecchi PC per la comunicazione con periferiche esterne come modem, stampanti, mouse (più tardi sostituito in questi compiti dalle connessioni USB).

Comunemente usato nelle porte seriali dei computer di vecchia generazione, lo standard RS-232 è impiegato in ambito embedded e industriale per comunicare con le più disparate periferiche su lunghezze medie. RS-232 ha prestazioni meno soddisfacenti in termini di velocità di trasmissione, lunghezza massima del cavo, oscillazione di tensione, dimensioni standard dei connettori, capacità multipoint (=0) e capacità multidrop rispetto a interfacce più moderne come RS-422, RS-485 ed Ethernet.

Nei PC di concezione recente, le porte USB hanno sostituito efficacemente RS-232 nella maggioranza delle funzioni di interfaccia periferica. In compenso, in virtù della loro semplicità di concezione e realizzazione – oltre che per la loro presenza pervasiva in molte apparecchiature di vecchia generazione tuttora in uso -, le interfacce RS-232 trovano ancora applicazione nelle macchine industriali, nelle apparecchiature di rete e negli strumenti scientifici: in questi casi riescono a fornire una connessione dati cablata a corto raggio, punto-punto e bassa velocità che risulta idonea alle funzioni da svolgere.

Resco ha esperienza diretta nello sviluppo di interfacce RS-232 ottimizzate per le specifiche applicazioni richieste.