Ethernet, WiFi, Bluethoot2018-12-06T16:03:56+00:00

Ethernet, WiFi, Bluethoot.

Sono protocolli di comunicazione consumer, utilizzati da PC ed altri apparati elettronici per comunicare tra loro o con differenti periferiche.

Ethernet

Local Area Network è molto utilizzata in ambito industriale per la sua robustezza, la grande diffusione di apparati di rete (router, switch, ecc..), la velocità di trasmissione e la dimensione massima della rete (che può coprire tranquillamente 100m di distanza). Commercializzata nel 1980, e dal 1983 standardizzata come IEEE 802.3, la famiglia di tecnologie di rete Ethernet è stata sviluppata presso Xerox PARC tra il 1973 e il 1974, a partire dagli studi di dottorato di Robert Metcalfe su ALOHAnet.

Il nome deriva dall’etere luminifero, l’ipotetico mezzo materiale “onnipresente e completamente passivo” attraverso il quale fino al XIX secolo si pensava si propagassero le onde elettromagnetiche. L’esperimento di Metcalfe puntava a ottenere una trasmissione a 3 Mbit/s su cavo coassiale che fosse affidabile in condizioni di traffico contenuto, ma anche in grado di sopportare picchi di carico occasionali. L’intuizione che fece la differenza fu l’adozione di un protocollo di accesso multiplo al mezzo condiviso, del tipo CSMA/CD (Carrier Sense Multiple Access/Collision Detection).

Xerox Corporation, Intel Corporation e Digital Equipment Corporation furono tra le prime aziende ad adottare lo standard che poi si sarebbe imposto non solo per la sua natura pionieristica, ma anche per i bassi costi, la facilità d’uso, l’affidabilità e la compatibilità con TCP/IP. Nel tempo, la tecnologia Ethernet si è evoluta di pari passo con le esigenze di larghezza di banda e di mercato: oggi Ethernet è utilizzato per interconnettere computer, elettrodomestici e altri dispositivi personali, oltre che per applicazioni industriali e nei sistemi di trasmissione dati legacy nelle telecomunicazioni globali.

Resco ha spesso sviluppato schede elettroniche con connettività ethernet per permettere il controllo e lo scambio dati con il PC e verso altri dispositivi.

WiFi

Il Wi-Fi o WiFi è ormai il tipo di connettività principale utilizzata in ambito PC per la connessione con la rete internet. La tecnologia WiFi, che è anche un marchio registrato di Wi-Fi Alliance, nasce dal pionieristico sistema di networking per computer ALOHAnet (o ALOHA System), sviluppato presso l’Università delle Hawaii, che nel giugno 1971 effettuò il primo collegamento con una rete dati a pacchetto wireless UHF tra diverse isole hawaiane. Il nome commerciale deriva da “Wireless Fidelity”, ma vuole anche essere un gioco di parole sulla parola hi-fi.

La tecnologia per reti locali senza fili (WLAN) WiFi utilizza dispositivi basati sugli standard IEEE 802.11. La connessione a Internet dei dispositivi compatibili Wi-Fi avviene tramite una WLAN e un punto di accesso wireless (access point). Oggi la tecnologia Wi-Fi è diffusa in modo capillare e utilizzata pressoché da chiunque: personal computer, console per videogames, smartphone, tablet, fotocamere digitali, smart TV, lettori audio digitali e stampanti moderne sono solo alcuni dei dispositivi che implementano una connessione WiFi.

Resco ha sviluppato diversi prodotti che implementano la connettività WiFi così da essere accessibili dalla rete disponibile senza il vincolo del cavo.

Bluetooth

Bluetooth (BT) è utilizzato per il controllo di semplici periferiche a bassa potenza su brevi distanze. Lo standard di tecnologia wireless per lo scambio di dati su brevi distanze (tramite onde radio UHF a lunghezza corta nella banda ISM da 2.400 a 2.485 GHz) fu ideato dall’ingegnere elettrico olandese Jaap Haartsen nel 1994 per iniziativa del fornitore di telecomunicazioni Ericsson e su impulso di due invenzioni dello scienziato svedese Johan Ullman. Anche il nome Bluetooth, nonostante il suono anglicizzato, ha in realtà origini scandinave, essendo ricalcato sull’epiteto di re Harald Blåtand.

Scopo del progetto “short-link” era trovare un’alternativa ai cavi dati RS-232 per lo sviluppo di cuffie wireless: le caratteristiche necessarie includevano bassi consumi, corto raggio d’azione e basso costo di produzione. Il Bluetooth utilizza una tecnologia radio denominata spettro di diffusione a salto di frequenza, che opera a frequenze comprese tra 2402 e 2480 MHz o 2400 e 2483,5 MHz, comprese bande di guardia larghe 2 MHz all’estremità inferiore e 3,5 MHz in alto.

Lo standard BT consente il collegamento wireless tra periferiche (stampanti, tastiere, mouse, telefoni, microfoni, ecc.) a computer o PDA o tra PDA e PDA e non è comparabile con il Wi-Fi: a tecnologia WiFi nasce infatti per fornire velocità di trasmissione elevate con un raggio di copertura e consumi di corrente superiori. Resco ha sviluppato prodotti con connettività Bluetooth per essere connessi al PC senza l’utilizzo del cavo o per dialogare con altre periferiche.